lunedì 11 gennaio 2010

Cosa vuol dire pizza?

Domenica sera sono andato assieme ad alcuni amici in pizzeria. Era da tanto tempo che non ci incotravamo. Quasi tutti abbiamo ordinato la pizza e un boccale di birra.

Nell'attesa, un mio amico napoletano ha incominciato a decantare la tradizione culinaria Napoletana e soprattutto come viene preparata la pizza; un'altro ha raccontato di aver assistito in Germania ad una gara tra pizzaioli; un'altro amico parlava del sapore della pizza che sua madre preparava, quando era ancora ragazzo. Io ascoltavo tutti, ma capivo che ognuno di loro, forse per fame o per campanilismo, stavano superando i limiti della tranquillità.
Per calmare gli animi, ormai infervorati dall'argomento, ho chiesto:


''Ragazzi, sapete cosa vuol dire pizza?''

Subito c'è stato un silenzio generale ma al tempo stesso un senso di notevole curiosità.

''Dovete sapere, - dissi - che la pizza ha una storia lunga, complessa ed incerta. Le prime attestazioni scritte della parola ''pizza'', risalgono al latino volgare di Gaeta nel 997. Dal latino ''Puls'' (pappa,pappina) deriva la parola italiana ''polenta o polentina''. Le polentine o puntes erano il cibo di tutte le antiche popolazioni Italiche, come lo erano state per gli uomini della preistoria, ed è da questo impasto cotto che deriva la nostra pizza. Già nell'antichità focacce schiacciate, lievitate e non, erano diffuse presso gli Egizi, i Greci e i Romani (offa e placenta). Ma la sua origine reale risale al 1500, introdotta in Europa dal Perù, ma fatta conoscere dai Napoletani.

Comunque il termine ''Pizza'' deriverebbe anche da ''Pinsa'', participio passato del verbo latino ''Pinsere'', che significa ''pestare, schiacciare, pigiare, frantumare, macinare.''

Finalmente, dopo la mia semplice spiegazione, sono arrivate le pizze fumanti, che sono state vivacemente accolte, ma voracemente mangiate in un religioso silenzio.

Dopo questo delizioso pasto, terminato con dolce e caffè, abbiamo affrontato tanti altri argomenti con assoluta tranquillità.

2 commenti:

"Un tocco di Rosa" ha detto...

Wuau Stefano,spesso mi sono chiesta perché la pizza si chiami pizza, grazie a te ora lo so. Ogni tanto ho creduto che il nome pizza derivasse dalla mano piatta, visto che quando se molla na sberla sento il termine "te mollo na pizza" ahahahahahah dai Stefano, che scherzo. Comunque grazie a te ora posso dire di conoscere il termine... " Pizza " Un abbraccio ciao.

Stefano ha detto...

Ciao e grazie anche a te
Stefano