sabato 16 gennaio 2010

L'UNICEF per il terremoto di Haiti



La terra ha tremato 4 volte fino a 7,3 Richter vicino alla capitale Port-au-Prince, migliaia sono i morti e i dispersi.
Nonostante i gravi danni subiti ai propri uffici a Port-au-Prince, l'UNICEF, (oltre la Protezione Civile Italiana e Croce Rossa), si è subito attivato per fornire un aiuto immediato alle vittime del terremoto che ha colpito Haiti.
In coordinamento con le altre agenzie delle Nazioni Unite presenti, l'UNICEF sta fornendo gli aiuti necessari per garantire accesso ai servizi igienici, all'acqua potabile e all'assistenza sanitaria di base.
È necessario che i bambini, i più vulnerabili in caso di catastrofi naturali, siano protetti.
Già da queste prime ore chiediamo a tutti i donatori e alle aziende di sostenere la raccolta fondi per le vittime del terremoto di Haiti.
È un forte appello che rivolgo all'opinione pubblica: non lasciamo soli i bambini di Haiti.

Grazie per quello che puoi fare tu.

Comitato Italiano per l'UNICEF OnlusVia Palestro, 68 - 00185 Roma - Numero Verde 800-745.000 - Codice Fiscale 015 619 205 86

6 commenti:

Angelo azzurro ha detto...

Dobbiamo sentirci tutti coinvolti

Stefano ha detto...

Hai veramente ragione, caro Angelo Azzurro!
Ciao,Stefano

"Un tocco di Rosa" ha detto...

in questo caso le parole sono superflue, le immagini del disastro dIcono giá tutto.:) non ci resta che andare avanti,e imparare che può capitare all`improvviso anche a uno di noi. ( si toccatevi quello che avete da toccare, ma questa é la cruda realtà)Credo che queste cose siano un insegnamento per chi resta, una prova che, alla fine siamo tutti uguali. Non ci resta che stringere la morsa del nostro abbraccio solidale, e continuare a vivere il miglior modo possibile. DONATE!

DIANA B ha detto...

Ciao Stefano, questa immane tragedia ha colpito il cuore del mondo intero. Però molti, si accorgono solamente ora di quanto quel popolo vivesse nell'indigenza, dove pochi hanno in mano il potere senza guardarsi attorno per accorgersi quanta povertà, quanta mancanza delle più elementari risorse per sopravvivere potevano necessitare per una vita dignitosa i più. E quelli a soffrire maggiormente di queste situazioni sono i più deboli ed in particolar modo i bambini. Proprio i bambini che dovrebbero essere maggiormente rispettati, amati, ogni giorno trovano la morte a migliaia, letteralmente di fame e per mancanza di cure appropriate. Anche questa si puo' chiamare la strage degli innocenti...moderna.
Ciao Stefano a presto Bruna

Solpiccola ha detto...

Ciao, sono molto colpita di quello che è successo in Haiti, mi escono le lacrime a vedere quelle immagini. Chiedo a tutti di pregare per il popolo haitiano...
un abbraccio

Stefano ha detto...

Carissime
sento che tutti voi siete dispiaciute come me.
E' veramente bello sentire la partecipazione della gente a questa devastante tragedia.
Grazie e vi abbraccio.
Stefano