mercoledì 29 settembre 2010

LA VOCE DEL SILENZIO

In estate, soprattutto durante le vacanze, andiamo quasi sempre alla ricerca di posti silenziosi per disintossicarci dai rumori, dalle musiche, dagli schiamazzi, dalle dispute, dalle tensioni che la vita in città ci scarica addosso.


Il silenzio è qualcosa che cerchiamo in ogni momento della vita. Cerchiamo il silenzio e lo fuggiamo nello stesso tempo.
Di solito dove si ascolta Dio, per chi ci crede, c'è il silenzio mistico. I veggenti, i santi, i saggi, i profeti, i maestri hanno udito la voce che viene dall'interno, avendo reso se stessi silenziosi. Con ciò non voglio dire che si potrà udire la voce, perché si è silenziosi. Intendo dire che, una volta che si è raggiunto il silenzio, ci sarà la possibilità di udire la parola che giunge dall'interno. Quando la mente è stata acquietata, si può comunicare con chiunque si incontri. Non c'è bisogno di molte parole; quando gli sguardi s'incontrano, ci si capisce. Due persone possono parlare e discutere per tutta la vita e non capirsi; altre due, se hanno la mente tranquilla, si guardano e in un momento tra loro il contatto è stabilito.

Inoltre ci sono tanti tipi, assai diversi, di silenzio. Esiste il silenzio di chi non sa cosa dire, di chi non ha una cultura o un'opinione propria. C'è anche il silenzio di chi nell'ombra cospira ai danni del prossimo, oppure il silenzio di chi vuole evitare di essere coinvolto in questioni che possono comportare un impegno personale e a volte un prezzo da pagare.
C'e ancora il silenzio di chi si prende il tempo di fermarsi a riflettere o di leggersi un buon libro.



La mia povera nonna diceva sempre: ''Il silenzio racchiude ogni parola che tu nel caos non senti''.
L'arte del silenzio si può imparare ovunque: in tutta la vita, per quanto impegnati, si può mantenere il silenzio. E' veramente difficile, ma io ci sto provando.

4 commenti:

cristina ha detto...

Io credo che chi riesce ad apprezzare il silenzio, sia anche in grado di ascoltare meglio gli altri e se stesso.
Grazie per questo bel post.
Cri

Lorenzo ha detto...

Fantastico! :)

E' esattamente quello che penso io! ed hai toccto vari aspetti del silenzio che sono fondamentali, come le differenze fra i "silenzi", argomento fondamntale!

Stefano ha detto...

Grazie Cristina
Abbracci
Stefano

Stefano ha detto...

Grazie anche a te Lorenzo
Ciao, Stefano