martedì 15 marzo 2011

Il Parco e la Villa Reale di Monza



Il Parco e la Villa Reale di Monza sono da tempo monitorati dal FAI  (Fondo per l'Ambiente Italiano) con grande attenzione per la presenza di diverse criticità: il “precario” stato di conservazione del parco e della villa; la “convivenza” con l’Autodromo situato proprio all’interno del Parco e in particolare l’incognita sulla destinazione delle vecchie curve sopraelevate, ormai abbandonate, di cui è stata più volte richiesta una parziale demolizione; la presenza di un enorme edificio in costruzione, destinato a centro polifunzionale, che “rompe” lo straordinario cannocchiale prospettico che dalla Villa Reale di Monza raggiunge il Rondò dei Pini.
A tutto questo si è ora aggiunta la proposta partita dalla Regione Lombardia di affidare il progetto di recupero e di rifunzionalizzazione del corpo centrale della Villa a privati. Allo scopo di contrastare questa proposta, si è costituita un’associazione per la tutela di Villa Reale, denominata “Villa Reale anche mia”, formata da varie organizzazioni locali e da Lega Ambiente che ha raccolto ad oggi oltre 11.000 firme.

Il Bando promosso dalla Regione Lombardia prevede il recupero e la riqualificazione del CORPO CENTRALE di Villa Reale, all’interno del quale si prevede la realizzazione di un grande spazio espositivo per mostre temporanee ed eventi culturali, di uno spazio commerciale con bookshop e botteghe artigianali, di un bar e di un ristorante di alta cucina.
L’associazione “Villa Reale anche mia” ha chiesto il ritiro del bando per l’assegnazione del progetto.


Oltre al bando della Regione Lombardia, sono al vaglio alcune proposte per la riqualificazione di altri spazi appartenenti alla Villa Reale, in particolare l’ALA NORD, molto in degrado, da edibire a esposizione permanente di Arte dell’800 (con sponsor Intesa Sanpaolo), l’ALA DEGLI APPARTAMENTI REALI, di cui è prevista a breve la riapertura al pubblico con uno spazio bookshop, il MIRABELLO, da adibire a spazio di rappresentanza ed esposizioni temporanee.

Il FAI nazionale, insieme alla Delegazione di Monza, si sta attivando per tener monitorato l’andamento del piano di recupero della Villa e del Parco e sollecita la possibilità di poter passare al vaglio gli eventuali progetti ed attuare una conseguente verifica sulla qualità dei restauri. Speriamo in bene!!!

4 commenti:

Laura ha detto...

So che l'apriranno il 17 marzo...volevo andarci...ma pioverà...uffi.

Stefano ha detto...

Cara Laura
Vai anche se pioverà, ne vale la pena visitarla!
Ciao e grazie per essere passata dal mio blog.
Stefano

Adriano Maini ha detto...

Già, l'autodromo ...

Stefano ha detto...

Caro Adriano
Secondo me l'autodromo deve rimanere a Monza.
Basterebbe ricostruirlo in un altro posto, fuori dal parco. Ciao Stefano