lunedì 6 giugno 2011

Il MART di Rovereto

Per il ponte del 2 giugno sono andato al Mart (Museo d'Arte Moderna) di Rovereto, non solo perchè pioveva, ma anche perchè le porte del Museo erano aperte, in via straordinaria, di sera.
In particolare, la sezione degli Impressionisti:  "La Rivoluzione dello sguardo" che si poteva visitare fino alle 22.


Sò che tanti di Voi l'hanno già visitato, ma se alcuni non sono ancora andati (e se vi trovate nella zona di Rovereto o Trento) vi consiglio di visitarlo!
Attualmente sono molte le mostre in corso al Mart. Quì di seguito vi descrivo una guida per chi vuole pianificare una visita.

Al piano interrato:

L'Arte contemporanea dialoga con il patrimoino del Mart in "Rosa Barba. Stage Archive", all'ingresso della Biblioteca del Mart.



 
Al primo piano:

La pittura italiana contemporanea di Alessandro Roma.Un confronto originale: in '800 versus '900 le opere delle nostre raccolte dell'Ottocento sono messe a confronto con i linguaggi della contemporaneità.



Sempre al primo piano, Voci dal Futurismo. Trent'anni d'avanguardia presenta alcune delle opere più note del Mart accanto a nuove acquisizioni di protagonisti assoluti del futurismo, come Giacomo Balla, Depero, ecc.


Al secondo piano:

Il Mart è riuscito a portare in Italia i grandi capolavori del Musée d’Orsay, vere icone della storia dell’arte tra fine ‘800 e primi del ‘900 con "La rivoluzione dello sguardo. Capolavori impressionisti e post-impressionisti dal Musée d’Orsay".

Ma cos'è il MART?

Il Museo d'arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto è un centro museale della provincia di Trento. La sede principale è situata a Rovereto  e vi si trovano perlopiù opere d'arte moderna e contemporanea. La sezione di Trento del museo è ospitata presso il Palazzo delle Albere. Fa parte del Mart anche la Casa d'Arte Futurista Depero, che si trova anch'essa a Rovereto.
Il Mart è nato nel 1987 come ente autonomo della Provincia Autonoma di Trento. Fino al 2002 la sua sede è stata a Palazzo delle Albere, a Trento. L'idea di ampliare il museo, per raccogliere da un lato l'arte del grande futurista trentino Fortunato Depero e dall'altro l'eredità del Museo Provinciale d'Arte di Trento nasce nel 1991. Il 15 dicembre del 2002 il Mart apre finalmente al grande pubblico con una nuova sede a Rovereto.
L'edificio attuale che ospita il museo è stato progettato dall'architetto ticinese Mario Botta e dall'ingegnere roveretano Giulio Andreolli. Botta ed Andreolli si sono ispirati a modelli classici per le forme (in particolare per la grande cupola al Pantheon) e ha dedicato una particolare attenzione alle soluzioni tecniche, in molti casi all'avanguardia: la cupola radiale è in acciaio e plexiglas, e presenta uno "spicchio" mancante, reso possibile da complesse soluzioni ingegneristiche.
Sotto la cupola si trova una piazza e al centro una fontana.  L'edificio del Mart è stato definito un'opera d'arte già di per sé stesso.


1 commento:

Francesca ha detto...

Ogni tanto, quando vado a Trento o Bolzano, mi fermo sempre al Mart per vedere le nuove mostre in corso. Comunque grazie Stefano.
Ciao, Francesca