mercoledì 1 febbraio 2012

La prima matita nel mondo

L'altro giorno dovevo prendere nota di un indirizzo che avevo chiesto a un mio amico, ma purtroppo non avevo la penna, perchè involontariamente l'avevo lasciata in auto. Fortunatamente nel giubbotto ho trovato un pezzo di matita che mi è stata molto utile. Chissà da quanto tempo fosse nella mia tasca! Mi sono chiesto:

''Quando è stata inventata la matita?''




La matita o lapis è lo strumento più antico ma anche il più comune ed utile per scrivere o disegnare. La prima produzione di matita che abbiamo avuto è stata sotto forma di bastoncini di carbone o di ematite che all’epoca svolgevano la stessa funzione dell’attuale matita.

La matita vera e propria invece è un’invenzione per così dire più vicina a noi. Infatti la sua nascita risale alla seconda metà del XVI secolo, dopo la scoperta della grafite nelle miniere del Cumberland, una delle 39 contee d’Inghilterra.
I pastori del luogo ritennero utile usare questo “misterioso” minerale per marchiare il bestiame.
Le matite con il rivestimento di legno, come quelle che si utilizzano oggi, comparvero molto più tardi, nel 1795 e fu il francese Conté a metterne a punto la produzione. La grafite impastata con argilla, veniva tagliata in striscioline; dopo una breve cottura, le striscioline venivano infilate in bastoncini cavi di legno di cedro e fissate con una goccia di colla.
Nel 1840 Lothar Faber realizza infine la prima matita esagonale con impresso su il marchio Faber. Nasceva così in quell’anno la prima matita di marca al mondo.
Ancora oggi l'involucro delle mine più pregiate viene ricavato da legno di cedro rosso o di ginepro, mentre le matite più comuni sono fatte di legno di ontano o di tiglio. Le mine delle matite possono essere dure o morbide; le prime sono contrassegnate con la lettera H, le altre con la lettera B. Un numero indica la maggiore o la minore durezza o morbidezza della matita. Accanto alle matite nere, esistono in commercio le bellissime matite colorate, che i bambini chiamano pastelli; le loro mine sono di coloranti minerali mescolati ad altre sostanze naturali e sintetiche.

Ecco la risposta alla domanda che mi ero fatto!!!

4 commenti:

Vania ha detto...

...interessante....grazie.:)

...io non ne trovo mai neppure a casa quando ne ho bisogno al telefono.:))))
ciaooo Vania

Stefano ha detto...

Grazie a te Vania!
Succede sempre anche a me soprattutto quando ne ho bisogno.
Ciao

Ambra ha detto...

Ma guarda! Che interessante questa informazione. Si, sapevo che veniva usata l'ematite, ma non poi tutta la storia dell'uso iniziale della grafite e da dove venisse ricavata.

Stefano ha detto...

Cara Ambra
è una curiosità che ho sempre saputo in linee generali, ma per caso ho voluto approfondire l'informazione. Ciao