martedì 12 giugno 2012

Il Monastero di Torba (FAI) patrimonio dell'Umanità


Finalmente è arrivato il riconoscimento Unesco per il sito archeologico di Torba-Castelseprio in provincia di Varese, una delle più importanti testimonianze storico-culturali a livello mondiale.
La settimana scorsa si è tenuta la cerimonia di consegna della targa attestante l'iscrizione del sito Torba-Castelseprio nella lista del Patrimonio mondiale dell'Unesco. Alla cerimonia erano presenti rappresentanti del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, della Regione Lombardia, della Provincia di Varese, dei Comuni di Castelseprio e Gornate Olona, oltre che naturalmente dell'Unesco e del Fai (Fondo per l'Ambiente Italiano), proprietario del Monastero di Torba. 
La nuova targa, presentata dalla Signora Crespi, presidente onorario del FAI, inaugura la nuova meta turistica che fa rinascere il Borgo Longobardo.


Infatti, proprio al Monastero di Torba, dopo la cerimonia, si è inaugurato il sentiero che corre lungo l'imponente muro di cinta del Castrum tardo Romano, realizzato nel V-VI secolo d.C, che univa Torba a Castelseprio, storico collegamento tra due poli strategici dell'impianto difensivo.
Il sentiero, ripristinato grazie a un contributo di Regione Lombardia e dell'Associazione Amici del Fai, è stato dedicato a Renato Bazzoni, fondatore del Fai con Giulia Maria Mozzoni Crespi, Franco Russoli e Alberto Pedrieri, nonché segretario generale della Fondazione fino alla sua scomparsa, nel 1996.
A lui si devono l'inizio dei lavori di restauro del Monastero e l'avvio della prima campagna di scavi archeologici.




E' possibile visitare il sito, presente nella lista Unesco dal 25 giugno 2011, luogo meraviglioso che tutti dovrebbero conoscere. 
In Italia sono 47 luoghi ''patrimonio dell'umanità'' e nel mondo nessuno ne ha di più. La maggior parte sono nella Regione Lombardia. 

4 commenti:

Sandra M. ha detto...

Luogo carico di storia . Da annotare per un prossimo futuro. Mamma mia che ricchezze culturali che abbiamo!

Stefano ha detto...

Cara Sandra
E' molto interessante; il FAI organizza sempre molte manifestazioni soprattutto medioevali. E'da visitare, come tante altre proprietà del FAI!
Te lo dice uno che è un loro volontario. Ciao

Adriano Maini ha detto...

Un gioiello di storia e di arte che merita ampia conoscenza!

Stefano ha detto...

Sì, caro Adriano
il Monastero, e tutto il sito meritano ampia conoscenza, soprattutto da parte degli uomini di cultura come te! Ciao