lunedì 19 maggio 2014

L'Unione Europea! Cos'è???

Le elezioni europee del 2014, come tutti noi sappiamo, si terranno in Italia il 25 maggio 2014 per eleggere i 73 membri italiani del Parlamento Europeo.
Lo scrutinio per stabilire la composizione del prossimo Parlamento Europeo comincerà subito dopo la chiusura dei seggi.
Dal 1979 milioni di Europei scelgono ogni cinque anni i loro rappresentanti per l'Europa nelle sede ufficiale di Strasburgo, ma anche di Bruxelles, dove c'è la sede della Commissione Parlamentare, e dove possono organizzare anche sessioni supplementari plenarie.


Ieri mi trovavo nella casa di campagna di un mio amico, che aveva invitato alcuni suoi amici del luogo con i loro figli.  Dai discorsi che facevano non mi sembravano molto ''afferrati'' sull'Unione Europea. Ho pensato anche che tanti Italiani si chiedono: ''Ma cosa è veramente questa Unione Europea e cosa fanno i Parlamentari eletti?'' 
Voglio sintetizzarlo solo per quelle poche persone che non lo sanno!

L'Unione europea (UE) è un'organizzazione di tipo sovranazionale e intergovernativo, che dal 1º luglio 2013 comprende 28 stati membri indipendenti e democratici. La sua istituzione sotto il nome attuale risale al Trattato di Maastricht del 7 febbraio 1992 (entrato in vigore il 1º novembre 1993), al quale tuttavia gli Stati aderenti sono giunti dopo il lungo cammino delle Comunità europee precedentemente esistenti.

L'Unione consiste attualmente di una zona di libero mercato caratterizzata da una moneta unica, l'euro, regolamentata dalla Banca Centrale Europea e attualmente adottata da 18 dei 28 stati membri; essa presenta inoltre una unione doganale fra i paesi aderenti agli accordi di Schengen, che garantiscono ai suoi cittadini libertà di movimento, lavoro e investimento all'interno degli stati membri. L'Unione presenta, inoltre, una politica agricola comune, una politica commerciale comune e una politica comune della pesca.

L'Unione Europea non è una semplice organizzazione intergovernativa (come le Nazioni Unite) né una federazione di Stati (come gli Stati Uniti d'America), ma un organismo sui generis, alle cui istituzioni gli stati membri delegano parte della propria sovranità nazionale. Le sue competenze spaziano dagli affari esteri alla difesa, alle politiche economiche, all'agricoltura, al commercio e alla protezione ambientale. In alcuni di questi campi le funzioni dell'Unione europea la rendono simile a una federazione di stati (per esempio, per quanto riguarda gli affari monetari o le politiche ambientali); in altri settori, per contro, l'Unione è più vicina a una confederazione (per esempio, per quanto riguarda gli affari interni) o a un'organizzazione internazionale (come per la politica estera).

Riassumendo, gli Organi principali dell'Unione comprendono il Consiglio dei Ministri, la Commissione, la Corte di Giustizia, il Consiglio Europeo, il Parlamento, la Commissione e la Banca Centrale Europea.
L'istituzione dell'Europarlamento risale al 1950 ma dal 1979, come dicevo all'inizio, i suoi membri sono democraticamente eletti, in tutti i territori dell'Unione, a suffragio universale, per una durata in carica di cinque anni. In Particolare:

Il Parlamento approva o modifica le proposte presentate dalla Commissione e ha le funzioni di: Discutere e approvare le Normative europee insieme al Consiglio, il Bilancio dell'UE e controllare che le altre istituzioni dell'UE agiscano democraticamente.

La Commissione, ovvero i Commissari e il Presidente, ha la responsabilità a proporre atti legislativi, gestire il bilancio UE e attribuire i finanziamenti, vigilare sull'applicazione del diritto dell'UE, rappresentare l'UE a livello internazionale e nei negoziati con Paesi terzi per la conclusione di accordi.

La Banca Centrale Europea gestisce l'Euro e garantisce la stabilità dei prezzi nell'UE, contribuendo a definire e attuare la politica economica e monetaria dell'Unione, fissa i tassi d'interesse, gestisce le riserve in valuta estera dell'area Euro e autorizza le Banche Centrali dei Paesi (es. la Banca d'Italia) a emettere banconote.

I Deputati del Parlamento Europeo devono contribuire a proporre delle leggi buone per l'Europa, ma devono anche difendere, con giusto equilibrio, gli interessi economici, l'agricoltura, e lo sviluppo del proprio Paese.

Ricordo che la Presidenza del Consiglio dell'Unione Europea ruota ogni sei mesi tra i diversi Stati membri dell'Unione europea e non è ricoperta da una singola persona, ma è esercitata dall'intero governo del Paese che detiene la presidenza di turno.
Dal 1º gennaio 2014 la presidenza del Consiglio è detenuta dalla Grecia, mentre dal 1° luglio sarà l'Italia ad esercitare la Presidenza del Consiglio. Speriamo in bene!!!

6 commenti:

EriKa Napoletano ha detto...

Non ci resta che sperare, caro Stefano!!!!Un caro saluto

Ambra ha detto...

Il tuo finale la dice lunga sui nostri umori del momento. Si, speriamo bene!

Stefano ha detto...

Sì cara Erika! Ci rimane solo la speranza. Ricambio i saluti.

Stefano ha detto...

Cara Ambra
è l'ultima occasione per fare qualcosa di buono per l'Italia.
Approfittiamone, però stando sempre nelle regole Europee!
Un caro saluto

Sandra M. ha detto...

La strada è davvero lunga e piena di ostacoli. Lontani gli ideali che ci videro tra i primo promotori.
Speriamo che il futuro sia più roseo .

Stefano ha detto...

Cara Sandra
Hai proprio ragione! Anch'io spero, in questo mondo di 'ladri',
che il futuro sia migliore.
Grazie per essere passata. Un abbraccio.