domenica 21 dicembre 2014

AUGURI


 
 
 
Da
 
STEFANO di
 
''SEMPLICI CONVERSAZIONI''


che augura a tutti i Bloggers



 BUONE FESTE!!!
 

martedì 16 dicembre 2014

Semplici Sorrisi

Prima dell'arrivo delle feste Natalizie,
anche se siamo in una profonda crisi, 
facciamoci  lo stesso qualche semplice risata.



Sondaggi

Il presidente di uno Stato in crisi economica chiama
un esperto in sondaggi e gli chiede:
- Che cosa pensa il popolo dell'attuale situazione?
- Beh, gli ottimisti sono convinti che tra poco finiremo
col mangiare l'erba - risponde quello.
- Perbacco! E i pessimisti?
- Che non ce ne sarà abbastanza per tutti...

In Tribunale

- Per la rapina che lei ha commesso il giorno di Santo
Stefano la condanno a tre anni di detenzione
nel carcere di San Vittore.
- Signor giudice, lei sta commettendo un errore
 giudiziario: non era Santo Stefano, era San Silvestro!
- OK, e che differenza fa?
- Se non fa differenza, invece che a San Vittore
 mi mandi a San Remo!

Animali parlanti

Un pastore sta pascolando tranquillamente le
sue pecore, quando gli si avvicina un cavallo
che gli dice:
- Buongiorno giovanotto, come va la vita?
Il pastore lancia un urlo e fugge via terrorizzato,
seguito dal suo cane.
Dopo una lunghissima corsa, crolla a terra esausto.
 Il cane gli si avvicina ansimando ed esclama:
- Che spavento ci ha fatto prendere quel cavallo, eh?

Prescrizioni mediche

Un signore, seduto a tavola con la moglie, le dice:
- Cara, ti dispiace se ci scambiamo i posti?
- No certo, ma perché?
- Perché ieri, dopo l'estrazione, il dentista mi ha
raccomandato di mangiare per qualche giorno
dall'altra parte...

Equivoci

Una ragazza chiede al nonno:
- Senti, nonno: io sono una ragazza tranquilla,
dolce, amante della casa... Che genere di marito
credi che vada bene per me?
E il nonno indignato:
- Ma che roba, questa gioventù moderna!
Lascia stare i mariti, sciagurata...
e prenditi uno scapolo!!!

martedì 9 dicembre 2014

La Madonna del Latte

Ieri sono andato a vedere nella sede del Comune di Legnano, dove ormai sono residente, un'opera straordinaria definita ''così piccola e così interessante'', ovvero la "Madonna del Latte", opera di Ambrogio da Fossano detto Bergognone.
Questo quadro ha conquistato subito i legnanesi presenti venerdì sera all'inaugurazione della mostra natalizia, "Opera in Comune".


L'evento in Sala Stemmi a Palazzo Malinverni è stato preceduto da una conferenza di presentazione nella Sala Leone da Perego dal Sindaco e da altre autorità.
 
La "Madonna del latte" risale al 1485 circa, è stata realizzata con la tecnica dell'olio su tavola. L'opera del periodo Rinascimentale Lombardo del Bergognone misura 61x44 cm e fa parte della collezione dell'Accademia Carrara di Bergamo.
Parallelamente alla mostra a Palazzo Malinverni, seguendo il tema degli affreschi rinascimentali che raffigurano la Madonna del latte, c'è la possibilità di visitare la Chiesa "Santa Maria in Binda" a Nosate e quella della "Madonna della Neve" a Cislago.

Per il secondo anno consecutivo, l' Amministrazione comunale di Legnano - Assessorato alla Cultura - promuove il progetto espositivo "Un' Opera in Comune", ideato nel 2013 da Alessio Francesco Palmieri-Marinoni e Giovanna Palamidese.
L'edizione 2014 offre al pubblico la possibilità di ammirare uno dei capolavori del maestro lombardo Ambrogio da Fossano detto Bergognone: la "Madonna del latte".
L'opera, come già detto, è di proprietà dell' Accademia Carrara di Bergamo, ed è stata esposta nei più importanti musei del mondo, tra i quali la National Gallery di Canberra (Australia) e il Metropolitan Museum of Art di New York (USA).



Il quadro sarà a disposizione del pubblico sino a martedì 6 gennaio 2015
Orari: dal lunedì al sabato: 9.00 – 19.00
Domenica e festivi: 10.00 – 13.00 / 15.00 – 19.00
Chiusura Natale e Capodanno

Durante il fine settimana, è possibile usufruire del servizio di visita guidata, a cura del personale volontario qualificato. Vi garantisco che quest'opera è tutta da vedere, anche se in tante città italiane esistono molti quadri, di autori diversi, della Madonna del latte.

martedì 2 dicembre 2014

Il rosmarino

Domenica scorsa sono andato in una serra per acquistare dei fiori da regalare.
Il proprietario, che conosco da tanto tempo, mi ha voluto dare in dono un piccolo arbusto di rosmarino, decantandomi tutte le proprietà di questa pianta aromatica.

Il rosmarino è considerata la pianta balsamica per eccellenza conosciuta ed utilizzata fin dall'antichità per le sue proprietà terapeutiche.


                                                                                   
E' una pianta ricchissima di oli essenziali quali il pinene, conforene, limonene, flavonoidi, acidi fenolici, tannini, resine, canfora e contiene anche l'acido rosmarinico che è un antiossidante.                            
Le sue proprietà sono: stimolante, tonico, stomachico, antispasmodico, eupeptico, antiossidante, antinfiammatorio e antisettico.
L'olio essenziale di rosmarino è un potente antibatterico e fungicida.
Viene usato come tonico digestivo del fegato.
Ha proprietà astringenti dovute al tannino per cui è utile per i problemi di diarrea e riducono il flusso mestruale se troppo abbondante. E' efficace nei casi di meteorismo e dei disturbi intestinali in genere, nel caso di spasmi ventrali, vertigini, inappetenza, e per l'esaurimento psicofisico. Inoltre rinfranca la memoria debole ed è ottimo nei casi di depressione.
E' uno stimolante naturale per aumentare il flusso sanguigno e ristabilizzante della resistenza dei capillari fragili. L'infuso di rosmarino e salvia è ottimo per il mal di gola.
L'olio essenziale è molto usato anche in profumeria entrando nella composizione di numerose lozioni, profumi, linimenti, saponi e collutori.
Se si vuole godere a pieno delle sue caratteristiche sarebbe preferibile utilizzare il rosmarino spontaneo perché, anche se quello coltivato mantiene le sue caratteristiche, queste sono maggiori nelle piante allo stato spontaneo.
In aromaterapia è usato per migliorare la memoria, per la depressione e per alleviare l'emicrania.

Il rosmarino appartiene al genere Rosmarinus, famiglia delle Lamiaceae ed il suo nome scientifico è Rosmarinus officinalis. Originario dei paesi del Mediterraneo si ritrova spontaneo lungo la fascia costiera e fino a 1500 m s.l.m.
L'etimologia del suo nome è abbastanza controversa: secondo alcuni deriverebbe dal latino "ros = rugiada" e "maris = mare" vale a dire "rugiada del mare" secondo altri deriverebbe sempre dal latino ma da "rosa = rosa" e "maris = mare" cioè "rosa del mare" secondo altri dal latino "rhus = arbusto" e "maris = mare" cioè "arbusto di mare".


In ogni modo, qualunque sia la sua origine, è sempre strettamente legata al mare che lo ricordano anche i suoi delicati e deliziosi fiori colore del mare.
E' una pianta arbustiva, perenne con portamento cespuglioso che può raggiungere un'altezza di tre metri.

Oltre alle tante proprietà già dette, questa pianta aromatica è anche un'erba insostituibile in cucina, soprattutto per carni, pesci ed è la spezia più usata nella cucina mediterranea, soprattutto per la preparazione di sughi, umidi, soffritti e in molte conserve. Provatelo!!!