mercoledì 3 giugno 2015

Elogio della ''pasta asciutta''

Almeno una volta al giorno, sulle nostre tavole non può mancare la pasta, di cui gli spaghetti sono il simbolo dell'Italia, soprattutto all'estero.






La pasta asciutta si chiama cosi perché dopo che si cuoce, togliendola dalla pentola d'acqua, passa nello scolapasta ..e diventa "asciutta''.


Un'abitudine antica, consolidata già dal tempo dei Romani. Cento anni prima di Cristo, Cicerone ed Orazio erano grandi consumatori di ''làgana'', strisce di pasta sottile preparate con farina ed acqua, da cui derivano le nostre lasagne.



I maccheroni, invece, pare siano nati in Sicilia: uno scritto datato 1154 del geografo arabo
Al-idrin, parla a proposito di un viaggio a Palermo, di ''itriyah'', un cibo di farina in forma di fili.
E così, fino al 1700 tutti i tipi di pasta presero il nome di ''maccheroni''.
Finchè i Napoletani si appropriarono del termine e lo usarono per identificare paste lunghe trafilate.
E oggi? Bavette, bucatini, fettuccine, spaghettoni, vermicelli, ziti, ecc... sono le tante varianti di pasta, preparati solo con farina ed acqua.




Il termine pasta (dal latino păstam) inteso come abbreviazione dell'italiano pastasciutta, può anche indicare un piatto dove la pasta alimentare sia l'ingrediente principale accompagnato da una salsa, da un sugo o da altro condimento di vario tipo.
Le paste alimentari nel mondo possono, anche più genericamente ed in modo non relazionato, dividersi ed essere considerate frutto di due vaste e longeve culture, distinte e separate fra esse, le quali hanno sviluppato questo alimento nel corso di molti secoli, in maniera parallela ed indipendente, senza che l'una venisse in contatto con l'altra, ossia, quella Italiana in Occidente e quella Cinese in Oriente, entrambe utilizzando ingredienti differenti e tecniche diverse tra loro per la preparazione e la produzione di questo cibo.



Per quanto riguarda le paste più diffuse e conosciute in ambito Occidentale, da sempre, seguono tutte le schematiche ed il filo conduttore ed esportatore della tradizione Italica.



E ora non rimane che dire: Buon Appetito a tutti!

4 commenti:

Carlo ha detto...

Dopo aver letto questo post, mi è venuta
una fame atroce di pasta!!! Ciao Stefano

Stefano ha detto...

Ciao Carlo
Questo post l'ho scritto perché sono
amante della pastasciutta.
Saluti.

Ambra ha detto...

Già la sola immagine mi fa venir voglia di andare in cucina a cucinarmi un piatto di spaghetti al pomodoro.

Stefano ha detto...

Vai subito in cucina Ambra!
Un piatto di pastasciutta non fa mai male.
Buon appetito e ciao