mercoledì 24 giugno 2015

Il Concilio di Costanza

Era da molto tempo che volevo visitare la città di Costanza in Germania, per scoprire il luogo dove si è svolto il famoso Concilio (1414-1418), addirittura molto prima del Concilio di Trento (1545-1563). Finalmente il week end scorso ho deciso di andare!

 
Costanza (in tedesco Konstanz) è una città universitaria di circa 83.000 abitanti, sulla riva del Lago omonimo, nell'angolo sud-occidentale della Germania, che confina con la Svizzera, ed è situata sul fiume Reno che nasce dalle Alpi Svizzere e scorre attraverso il Lago, dividendo in due la città.
Fu anche la città natale del conte Ferdinand von Zeppelin, costruttore dei famosi dirigibili Zeppelin. Quando si svolse il Concilio la città era importante già dal Medioevo, perché si trovava al centro dei commerci occidentali.

 
Ma ora torniamo al Concilio di Costanza. Esso è il XVI Concilio riconosciuto ecumenico dalla Chiesa cattolica, convocato a Costanza su richiesta del re dei Romani Sigismondo per porre fine allo scisma d'Occidente. Ottenne le dimissioni di papa Gregorio XII e depose gli altri due contendenti.
Fra i suoi primi atti vi fu la condanna per eresia e quindi l'esecuzione di Jan Hus.
Egli fu un teologo e un riformatore religioso boemo, nonché rettore all'Università Carolina di Praga. Promosse un movimento religioso basato sulle idee di John Wycliffe e i suoi seguaci divennero noti come Hussiti. Scomunicato nel 1411 dalla Chiesa cattolica e condannato dal Concilio di Costanza, fu bruciato sul rogo.


Comunque il motivo scatenante lo scisma, fu la messa in dubbio della validità dell’elezione di Urbano VI (successo a Gregorio XI) avvenuta, sotto la pressione del popolo romano, la mattina dell’8 aprile 1378. Una parte dei Cardinali, ritenendo illegittima l’elezione di Urbano VI, elessero a Fondi, il 20 settembre 1378, un nuovo papa, Clemente VII, che pose la sua residenza ad Avignone.
Lo scisma divise la cristianità occidentale in due obbedienze, quella di Roma e quella di Avignone, cui si aggiunse, nel 1409, l’obbedienza pisana (Concilio di Pisa), che, nel tentativo di risolvere la grave crisi del papato, finì per aggravarla ulteriormente.


Di fatto c’erano tre papi, ognuno con un suo seguito; cosa che, come conseguenza, divise il mondo civile e politico, gli Ordini e le Congregazioni religiose, le Università, gli stessi Santi parteggiavano chi per un papa, chi per un altro.
Di fronte all’impossibilità di riconciliare le parti, si fece strada nei teologi la teoria conciliare, già affermata, in vario modo, nel Medioevo: se un papa cade nell’eresia o nello scisma, può essere deposto da un Concilio, convocato dai Vescovi o da chi abbia sufficiente autorità.
Questa teoria, che aveva motivato il fallimentare Concilio di Pisa, portò alla convocazione, da parte dell’Imperatore Sigismondo del Concilio di Costanza.

Durante  la mia breve permanenza a Costanza, ne ho approfittato per visitare anche l'Isola di Mainau, collegata alla città tramite un ponte. E' un'isola lacustre privata, ed è chiamata anche l'Isola dei Fiori e delle Farfalle. E' molto bella ed è una meta turistica, grazie al clima mite del Lago e della vegetazione molto ricca. Ne è valsa la pena visitarla!




 

2 commenti:

Giulia ha detto...

Posti stupendi e città meravigliosa.
L'ho visitata l'estate scorsa. Ciao

Stefano ha detto...

Grazie Giulia
per essere passata dal mio blog.
Bei posti veramente!
Un abbraccio