mercoledì 31 maggio 2017

L'Oasi Zegna di Trivero

Il FAI (Fondo Ambiente Italiano), di cui faccio parte come volontario, ha organizzato una meravigliosa gita a Trivero, in provincia di Biella, per visitare la Fondazione Zegna composta dall'Oasi, dalla Villa e dall'attiguo  Stabilimento di filatura. Ho partecipato volentieri perché non ero mai andato. Ricordo anche che il FAI è partner della Fondazione Zegna.

Ermenegildo Zegna con la Moglie
Rododendri, azalee, ortensie, dalie… l’arcobaleno di colori che ci regala oggi l’Oasi Zegna è frutto della straordinaria visione di Ermenegildo Zegna, l’imprenditore filantropo che nelle montagne di Trivero, attorno al Lanificio, mise a dimora centinaia di fiori di diverse tonalità, secondo un disegno armonico che in questa stagione regala uno spettacolo straordinario.


Rododendri

La conca dei rododendri, delineata con l’aiuto di Pietro Porcinai, famoso architetto paesaggista che negli anni Sessanta lavorò al fianco di Ermenegildo Zegna, è risultata vincitrice del sondaggio tra gli utenti del network: ilparcopiubello.it che hanno votato “La fioritura più bella d’Italia 2017”.
Con la visita guidata prevista, ci ha permesso di immergersi nel cuore delle fioriture e scoprire i diversi esemplari di rododendri che Ermenegildo Zegna acquistò principalmente in Belgio, soprattutto nella variante Ponticum (fucsia) e nelle tipologie Hybrides.
Questo spettacolo botanico di straordinaria bellezza è stato arricchito negli anni Duemila dall’architetto paesaggista Paolo Pejrone con nuove piante e nuovi percorsi, uno dei quali è accessibile dai disabili motori.

La Conca dei Rododendri
La conca è stata impreziosita nel 2014 dall’opera d’arte dell’artista americano Dan Graham “Two Way Mirror – Hedge Arabesque” che ha lavorato per il progetto di arte contemporanea “ALL'APERTO”: un padiglione in acciaio e vetro sezionato da un’alta siepe di tasso. Il Two Way Mirror (vetro a riflessione differenziata) ha una proprietà unica: da un lato è trasparente, dall’altro riflette la luce, come uno specchio.


Two way mirror
Nel primo pomeriggio abbiamo visitato Casa Zegna, dove si trova l'Archivio Storico e polo di aggregazione culturale a Trivero. All'interno della Villa Zegna, in una palazzina anni ’30 che fu la casa di famiglia, è stato creato un nuovo concept “archivistico” museale. Una straordinaria sintesi della storia e delle esperienze, ma allo stesso tempo uno spazio polifunzionale sempre attivo, fucina di nuove idee, dove la tradizione si fonde con la trasformazione.

Villa Zegna
Infine ci hanno accompagnato all'interno dello storico Lanificio Zegna dove lavorano tantissimi operai, soprattutto del Biellese, tecnologicamente aggiornato con l'uso di molti macchinari, ormai quasi tutti robotizzati.


Filatura coputerizzata
Lo Stabilimento
 











Il Gruppo Zegna attualmente è composto da circa 7000 addetti sparsi in tutto il mondo, compresa l'Australia. La Fondazione è aperta al pubblico su prenotazione. Tel.015.756129

6 commenti:

Daria ha detto...

Mi piacerebbe andare a visitare l'oasi Zignago. Deve essere un bellissimo posto.
Andrò questa estate. Grazie mille per l'informazione. Ciao.
Daria

Stefano ha detto...

Bene, sono contento. Ti consiglio di andare.
Buona serata.

ReAnto R ha detto...

bella...grazie

Stefano ha detto...

Ciao ReAnto
Grazie a te per essere passato dal mio Blog.

EriKa Napoletano ha detto...

Bellissima!!!! Un caro saluto.

Stefano ha detto...

Ciao cara EriKa
Come stai? Grazie per essere passata.
Un caro saluto anche a te!