martedì 8 maggio 2018

Misteri di Lombardia

Nel famoso Santuario di Nostra Signora della Fonte, situato nel territorio di Caravaggio (BG), è presente una fonte miracolosa che, secondo la tradizione, fu fatta sgorgare dalla Vergine in occasione della sua apparizione a Giannetta, una donna del luogo nel 1432, la quale aveva invocato la Madonna perché la salvasse da un marito violento. Così ebbe un’apparizione mariana. Maria comparve di fronte ai suoi occhi e miracolosamente si aprì una sacra fonte taumaturgica.

L'apparizione della Madonna di Caravaggio
 
Filippo Maria Visconti, ascoltata la storia della giovinetta, ne fu talmente colpito da voler fare erigere un Santuario a memore ricordo della misteriosa apparizione. Il culto della Madonna di Caravaggio è quindi ricco di mistero e legato a fatti miracolosi.


Il Santuario e la Fonte
Il potere terapeutico di questa fonte è noto e sono molti i fedeli guariti dopo aver bevuto quest'acqua.
La notorietà del luogo ha fatto sì che la ''vox populi'' battezzasse questo Santuario la ''Lourdes Italiana''.

Un'altra storia è legata al Santuario. Nei primi mesi del 1520 un brigante fu catturato e condannato a morte. Narra la leggenda che l’uomo si ravvide per i peccati commessi, pregò la Madonna e le chiese la grazia. L’esecuzione fu fissata per il 26 maggio, anniversario dell’apparizione.
Il condannato fu portato al patibolo, ma…la ghigliottina si inceppò. Si gridò al miracolo e il Senato milanese gli ha reso salva la vita.

La ghigliottina di Caravaggio (BG) (foto tratta dal Web)
Oggi è possibile vedere quella ghigliottina nei sotterranei del Santuario e costituisce un singolare cimelio.

Nessun commento: